VAT 4956 = 38° di Nabucodonosor II
printprintFacebook

Annunci per i visitatori
Questo Forum informa su storia-archeologia-astronomia e bibbia relative al periodo Neo-Babilonese (669bc-523bc). Dimostra che Gerusalemme fu distrutta nel 607 a.E.V. e non nel 587bc attualmente accreditato.
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Osservazioni di Saturno durante il *Kandalanu (Smascherato come finto il regno di 22 anni)

Last Update: 6/12/2016 10:46 AM
Author
Print | Email Notification    
6/12/2016 10:46 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 416
Location: PASIAN DI PRATO
Age: 73
Gender: Male
Job/occupation: Pensionato con misera pensione
Amministratore unico
Diapositiva 12

Diapositiva 12











A conferma di quanto verificato in diapositiva 11, pure nel caso del successivo DKD del 568bc registrato nel VAT 4956 al rigo Obverse 17, Sachs fu ancora costretto a valutarlo al mattino del giorno 5 Luglio (sempre in 15° giorno del mese), mentre un DKD precursore di Eclisse di Luna poteva meglio essere valutato, in senso astronomico, solo durante la sera del 4 Luglio del 568bc o 587bc che sia (ma in fine del 14esimo giorno in tal caso, anche se nel diario è riferito un 15esimo giorno in quanto il DKD che fu registrato era stimato fra la Luna e la prima apparizione di Saturno).


Nel 38° anno del re Nabucodonosor II (vedi relazione del VAT 4956 riga per riga in questo sito e riassunto in alcune diapositive qui riportate per informazione probante), alla sera a fine 14° giorno del III mese del 587bc, è oggi verificabile un corretto DKD di due gradi, precursore dell’eclisse totale di Luna che si verificò poi in quella notte.

Solo mezz’ora dopo, ad appena iniziato 15° giorno, l’astronomo preferì registrare il DKD della prima osservazione di Saturno (una divinità (AN) per i babilonesi) misurandolo con la Luna (l’altra divinità (AN)) che era alta appunto i 7° e 30’ registrati nel reperto.

L’ordine di registrazione, prima un DKD e poi eclisse di Luna, è rispettato nel 587bc mentre, stimando diversamente al mattino successivo (in 15esimo giorno, comunque) esso, il DKD, sarebbe stato verificato ben 14 ore «dopo» quello registrato nel reperto, e pertanto «dopo», invece che prima, dell’eclisse oggi accreditata come che «non si verificò» (nel 568bc).

In questa diapositiva 12 allego, oltre alle foto della Nasa che illustrano le eclissi «opposte (distanti sei mesi lunari o 177 giorni)» che furono sia nel 587bc che nel 568bc, anche le evidenze che provano l’osservazione dell'eclisse di Luna del 15° giorno del 587bc durante il (vero) 38° anno di Nabucodonosor II, e pure la presenza (misurata mnemonicamente o in modo multiplo) della cometa Holmes riferita e accennata con «AN» in rigo obverse 16 del Vat 4956 «12 AN [2]/3 KÙŠ ┌e┐ [LUGAL (
Che la cometa Holmes fosse così posizionata, difficilmente può essere stato un caso.

Al tramonto della stella Denebola del Leone (nel 15° giorno del III mese Simanu), mentre il disco Lunare si stava annerendo completamente, la cometa era proprio a 7° e 30’ dal suo punto sorgivo; inoltre, dal suo sorgere erano conteggiabili esattamente 30 minuti di tempo di rotazione terrestre (na; appunto corrispondenti a 7 gradi e trenta primi), fino a quando a Ovest stava tramontando la stella Denebola del Leone.

Sembra che l’astronomo, al momento della registrazione del DKD osservato dopo la sera della fine del 14° giorno, avendo osservato in ormai 15° giorno la prima apparizione di Saturno a Ovest mentre la Luna a Est era alta 7 gradi e 30 primi, più tardi, mentre il disco lunare si stava eclissando, osservò pure la cometa Holmes che sorgeva a est nel momento che la Luna eclissandosi, si completava assieme al tramonto della stella Denebola.

Interessato da questo «occasionale» riferimento, misurò che erano trascorsi esattamente 30 minuti, mentre anche la misura angolare dal suo punto sorgivo, al momento del tramonto della stella Denebola (Leone, o LUGAL), era esatta di 7° e 30’.

Ciò gli suggerì quindi il registrare il DKD fra Saturno e Luna con i 7 gradi e trenta primi, in quanto tale valore (come misura multipla) gli avrebbe ricordato pure la posizione della cometa al momento del completamento dell’eclisse di Luna che stava osservando (vedi le foto elaborate aggiunte alla diapositiva che illustrano quanto qui detto).

Che cosa «prova» la verifica astronomica della cometa Holmes?

Tale «cometa», in senso astronomico possibilmente visibile, in quanto elaborata con 4,3 di magnitudo anche nel 580bc e con 4,2 nel 587bc, è praticamente registrata nel VAT 4956 col generico riferimento a una «divinità, (AN)» in rigo Obverse 16 qui stimato in verifica per il 587bc il quale registra: «12 AN [1]/3 KÙŠ e [….] ». Nel 587bc, Marte (possibile riferimento al logo «AN») non era visibile nel 12° giorno del III mese Simanu in quanto era alto 3 gradi sopra al Sole; pertanto (nel 587bc) non poteva riferirsi a Marte.

La Luna, (altro possibile riferimento al logo «AN»), in quel 12° giorno, stava entrando in Sagittario ma la riga non fa nessun riferimento a uno specifico momento dell’osservazione, in quanto neppure registra il logo GE6 (notte) e ciò sarebbe strano, se riferito alla luna, che fosse stata citata una misura così specifica e «corta» (1° e 20’ di un terzo di cubito).

Al momento del «sorgere» della cometa alla ore 22:18, essa era a circa un 1°20’ a est della stella Algenib (attuale Pegaso) e al sorgere della stella Epsilon Psc alle 22:55, era a precisa misura di un terzo di cubito (1° e 20’, vedi segmento arancione) come illustrato nella foto in basso della diapositiva marcata con ①; inoltre, il suo ingresso in «[Anunitu] (nastro dei Pesci)» era pure rilevabile dal suo essere bilanciata con la stella Upsilon Psc. (segmento verde).

Nel giorno dell’eclissi di Luna (15° giorno) la cometa sorgeva visibile con 4,2 di magnitudo mentre il disco lunare stava cominciando ad annerirsi, e fu poi possibilmente misurata come illustrato nelle foto messe sotto la diapositiva.

Perché fu scelto quel 12° giorno? Non si capisce bene.

Tre giorni prima, il nono giorno, il rigo Obverse 16 registra il solstizio estivo. E il giorno dopo, il decimo, registra che la Luna era nell’area della scorpione, misurata stando bilanciata con 12 gradi (tre cubiti e mezzo) verso la sua principale stella.

Probabilmente, come può succedere per alcune comete, la sua magnitudo luminosa nel 12° giorno potrebbe aver avuto un picco superiore di luminosità attirando l’attenzione dell’astronomo, che ne valutò la posizione nel nastro dei Pesci.

Di sicuro la osservò nuovamente durante l’eclisse di luna tre giorni dopo, ed essendo la cometa Holmes stata da me identificata mentre verificavo astronomicamente ciò che il VAT 4956 registrava per quei giorni, essendo titolato per il 37/38° anno del re tale diario, va da sé che 177 giorni o 6 mesi lunari prima, l’eclisse dell’otto Gennaio del 587bc poteva essere occorsa solo verso la fine del 37° anno di regno di Nabucodonosor II, e «non» come è evidentemente registrato nella LBAT *1420 o BM 38462 che la stima per il 17° anno del re.

Pertanto, assieme alle altre «prove» finora viste, devo considerare anche quella qui relazionata come a favore del 587bc quale 38° anno del re Nabucodonosor, e conseguentemente, il suo 18° anno di regno doveva forzosamente corrispondere solo al 607 della nostra era volgare o -606 astronomico.

Non posso provare «scientificamente», che 2520 anni dopo il 607bc, o nel 1914, Gesù fu insignito con l’autorità regale su tutta la terra, seppure ancora per del tempo debba regnare «in mezzo ai [suoi] nemici».

Provando però che il 607bc fu il 18° anno di Nabucodonosor, quando fu esiliato il popolo ebraico e furono distrutti il Tempio e la città di Gerusalemme, trovo fidata, fedele e veritiera la Bibbia, e dando ad essa fiducia anche per ciò che non si può vedere o «provare», seppure questo sia un «atto di fede», faccio mie le parole che in essa furono scritte:

(Ebrei 11:1, 2) 11 La fede è la sicura aspettazione di cose sperate, l’evidente dimostrazione di realtà benché non vedute. 2 Poiché per mezzo di questa ebbero testimonianza gli uomini dei tempi antichi.

Questo è quanto.

monseppe2
--------------------------------------------------------------
Ricercatore indipendente.
--------------------------------------------------------------
La verità viene da Geova mediante la sua parola scritta.
Per comprenderla, occorre "luce".
La luce, se illumina un solo lato, lascia zone di ombra che restano nascoste. La verità resta la stessa, ma sarà incompleta.
Solo Geova può fare "luce" su "tutti" i suoi lati della Sua Verità.
Ascoltarlo, è vitale. Cercarlo, è saggio. Amarlo, è giusto.
Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:51 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com