VAT 4956 = 38° di Nabucodonosor II
printprintFacebook

Annunci per i visitatori
Questo Forum informa su storia-archeologia-astronomia e bibbia relative al periodo Neo-Babilonese (669bc-523bc). Dimostra che Gerusalemme fu distrutta nel 607 a.E.V. e non nel 587bc attualmente accreditato.
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Rigo 11 frontale (obverse) del VAT 4956

Last Update: 8/23/2014 11:33 AM
Author
Print | Email Notification    
8/22/2014 10:56 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 416
Location: PASIAN DI PRATO
Age: 73
Gender: Male
Job/occupation: Pensionato con misera pensione
Amministratore unico
ZI-IR o DKD fantasma e misura sopecifica di 4 gradi e 40 primi

12_diap_1



Il rigo obverse 15 inizia in modo strano: «15 ZI-IR».

Sachs, nella sua relazione pubblicata su www.caeno.org evita di tradurlo riportandolo sulla riga tradotta tale e quale.
Da quella volta a oggi, la comprensione dei segni cuneiforme è certamente aumentata.
Nel senso dato al simile segno cuneiforme, (zir o ZI-IR) suggerirebbe «preoccupato e cancellato»; ZI da solo, suggerisce supplica e preghiera, stato d’animo ben associabile a stato di preoccupazione.

Certamente tali loghi trasmettono una certa preoccupazione per l’astronomo che era pure un astrologo.

Interpretando ciò che poté vedere, comprenderei che vide un DKD che non si poteva vedere.

Sole e Luna erano entrambi col loro disco interamente sotto la linea dell’orizzonte (o area divina). Era appena finito il 15esimo giorno e pure appena iniziato il 16esimo giorno.

Questo lasciò l’astronomo «perplesso» in quanto a cosa registrare.
Non era un DKD «osservato», ma certamente era un DKD occorso sotto la linea dell’orizzonte visibile quasi che, agli occhi dell’astronomo o astrologo, le due divinità volessero nascondersi.

La mattina precedente, durante il quindicesimo giorno del 587bc, Sole e Luna erano insieme sulla linea dell’orizzonte con metà del loro disco già tramontato o da sorgere. I due astri non si vedevano nella loro integrità sopra la linea dell’orizzonte.

La perplessità di Sachs nel tradurre lo ZI-IR, fu forse anche data dal fatto che, se misurato come lo misura lui per il 568bc il DKD, ovvero al mattino del 15° giorno del 568bc, un DKD ci fu e, come lo misuro io, era con la Luna alta 3 gradi sopra l’orizzonte.

L’astronomo, però, non registrò per il 15esimo giorno un DKD, ma uno «ZI-IR» e ciò, nel 568bc è cosa certamente anomala.

Alla sera prima del tramonto del sole a fine 15esimo giorno nel 568bc non ci fu nessun fenomeno di DKD. Nel 568bc, questa situazione astronomica del rigo Obverse 11 del VAT 4956, non trova nessuna corrispondenza.

Sachs, forse consapevole di ciò, si limitò a riportare il traslato «ZI-IR» senza tradurlo.

Quindi, nel contesto del 587bc, giustamente, la decisione che prese l’astronomo, è registrata con il logo «ZI-IR o zir»; perplesso, cancellato, in senso di «non registrato o descritto».


Ancora una volta, il cubito e sue frazioni corrispondono bene nel 587bc se stimati con un valore di 4 gradi.

Il logo «U, (anche <)» solitamente indica un valore di 10.
Quattro U, suggerisce per 4 volte tale valore.
Essendo preceduto dall’unità di misura di un cubito, va da sé che esso ne sia una parte frazionaria, appunto quattro volte 10’ (dieci minuti di grado) o 4 dita.

In pratica, l’astronomo, poteva anche registrare «1 KÚŠ 4 SI»; forse usò il diverso segno per non rendere l’idea di «4 gradi Nord (SI)». Indicando il segno (< U) un valore di 10, esso può anche segnare 10 gradi quando sia inciso da solo fra due riferimenti planetari.

Interessante, è che il valore registrato (4° e 40’), ricorra con eccellente precisione in ben 4 misure e sia riferito a tre pianeti e a una stella almeno.

In pratica, Saturno, Venere e Mercurio, sono qui indentati con eccellente precisione fra loro e riferiti alla stella Subra e a quelle del Granchio.
Il fatto che sia riferito Venere bilanciato (con la stella Subra qui generalizzata in LUGAL) mentre entra (e) in leone, ne rafforza notevolmente l’attendibilità e la correttezza delle posizioni celesti registrate.

Un cubito di due gradi, in questo caso, non potrebbe dare assolutamente riscontri migliori.

Vero, in stessa data e tempo (giorno e mese), nel 568bc, si elabora Venere essere Bilanciata con il Leone (Regolo); ma distante da esso quasi esatti 2 gradi (o un cubito di due gradi).
Accettare tale misura richiede però che si ignori completamente l’altro valore registrato di 4 U.

Anche Sachs conta i 4 U come dita o frazione del cubito che misuri due gradi; le conta però come 4 dita di 5 minuti di grado e troverebbe comunque la misura inutilmente riferita, in quanto i 20’ non sono rilevabili fra Venere e Regolo nel 568bc e ciò sarebbe grave, trattandosi di duna distanza interstellare.

In questa frazione di misura (su due gradi), non essendovi implicata la luna, che come corpo celeste ha 30’ di grado come disco, non si può giustificare una tolleranza del genere, che sia riferita nel reperto ma che sia ignorata se non corrispondente.

Il giorno stimato da me, il 18° = 7 giugno, nel 568bc vede (con le dovute tolleranze) un’accettabile misura e posizione di Venere che è calcolato essere a due gradi (un cubito) quasi esatti stando bilanciato di fronte a Regolo, ma con almeno 20’ gradi di meno rispetto ai 2° e 20’ che avrebbe dovuto misurare.

In base a come conta i giorni di questo mese, Sachs, nel 568bc, partiva col primo giorno dopo il mio usato come primo giorno del 587bc.

Ciò significa che per lui il 18° giorno doveva essere il successivo (o 8 Giugno) ma in tal caso Venere è ora più vicino a Regolo e non è più bilanciato con esso.
Neppure il giorno prima del mio, (il 6 Giugno) Venere sarebbe in posizione astronomica corrispondente al diario stimato al 568bc.

Pertanto, H. Hunger, se accettasse il giorno 7 giugno come 18° del mese Ajaru, dovrebbe riconoscere anche tutte le conseguenze che tale 18° giorno comporta per il resto delle verifiche di tutto il secondo mese Ajaru.

Tra l’altro, nel 568bc, Saturno sarebbe ben fuori zona e Mercurio sarebbe davanti al Granchio o sotto di esso.

Vero non sono menzionati ma astronomicamente, almeno nel 587bc, sono soggetti sottointesi e non possono essere ignorati.

In pratica, se questo è ciò che osservò e misurò l’astronomo, la sua scelta del valore di un cubito e 4 U fa parte di quelle che io chiamo ridondanti «misure multiple».

monseppe2

[Edited by monseppe2 8/23/2014 11:16 AM]
--------------------------------------------------------------
Ricercatore indipendente.
--------------------------------------------------------------
La verità viene da Geova mediante la sua parola scritta.
Per comprenderla, occorre "luce".
La luce, se illumina un solo lato, lascia zone di ombra che restano nascoste. La verità resta la stessa, ma sarà incompleta.
Solo Geova può fare "luce" su "tutti" i suoi lati della Sua Verità.
Ascoltarlo, è vitale. Cercarlo, è saggio. Amarlo, è giusto.
8/22/2014 11:16 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 416
Location: PASIAN DI PRATO
Age: 73
Gender: Male
Job/occupation: Pensionato con misera pensione
Amministratore unico
rigo Obverse 11 del VAT 4956 per il 587bc

12_diap_2



Mi ero chiesto, quando interpretai col cubito di 4 gradi il totale della misura in 4° + 40’ (4U) come mai fu riferita una misura molto specifica la quale suppone che sia citata come preciso riferimento misurato di una verifica osservata.

Occorre intanto comprendere che la misura doveva essere fattibile in modo veloce e preciso. Fu campionata? Penso di sì.

La misura è «praticamente» la stessa distanza angolare che è fra la stella Regolo [5] e la stella Eta Leo [4].

Esattamente misurano 4 gradi e 32’ con meno di un dito in meno.
Fu facile campionarla e misurare velocemente Venere, Saturno e Mercurio, tenendo conto di questo piccolo scarto.

Nella foto sovraimpressa, il cerchio misura esattamente 4° e 40’; lo scarto (8 minuti di grado in più fra le due stelle), è minimo e facilmente compensabile.
Nella stessa foto sovraimpressa, sull'orizzonte, è appunto l’esatto momento nel quale Venere effettivamente è dentro il Leone, stando otticamente bilanciato con la stella Subra del leone.
Tutto questo, nel 568bc non credo che sia possibile replicarlo.


La riga infatti, registra che Venere entra Bilanciato in Leone. Letteralmente, sarebbe un paradosso, non sarebbe né dentro né fuori!

Eppure l’astronomo così registra l’evento.

Infatti, Venere, prima del tramonto della stella Subra, effettivamente era «dentro» la costellazione del Leone, in quanto, anche se poco prima era «bilanciato» con Subra, alle ore 21:37:27 Venere sta iniziando pure lui il suo tramonto, finendolo 1 minuto dopo la stella Subra e stando quindi dietro di essa; essedo «entrato» nella costellazione del Leone (LUGAL).

La precisione del quadro astronomico osservato, lasciò perplesso pure me.. Che ormai mi aspetto di tutto da quegli antichi e saggi astronomi babilonesi.

Trovo quindi confermato il cubito in 4° gradi sessagesimali, e il dito in 10 minuti di grado durante il secolare anno osservato che è il 587bc in occasione del 38esimo anno del regno di Nabucodonosor II.

monseppe2

--------------------------------------------------------------
Ricercatore indipendente.
--------------------------------------------------------------
La verità viene da Geova mediante la sua parola scritta.
Per comprenderla, occorre "luce".
La luce, se illumina un solo lato, lascia zone di ombra che restano nascoste. La verità resta la stessa, ma sarà incompleta.
Solo Geova può fare "luce" su "tutti" i suoi lati della Sua Verità.
Ascoltarlo, è vitale. Cercarlo, è saggio. Amarlo, è giusto.
8/23/2014 11:33 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 416
Location: PASIAN DI PRATO
Age: 73
Gender: Male
Job/occupation: Pensionato con misera pensione
Amministratore unico
Rigo Obverse 11 del VAT 4956 per il 587bc

12_diap_3



Finisce con questa riga obverse undici il secondo mese Ajaru osservato e registrato nel diario astronomico VAT 4956.

Nel primo giorno del secondo mese, la Luna è registrata essere vista assieme al sole prima del suo tramonto e poi indicare al suo tramonto la stella dei Gemelli Castore, mirata attraverso un varco (ka-bar) formato dai pianeti Marte e Mercurio, e misurata essere alta 4 cubiti o 16 gradi. La stella Castore è pure indentata con il logo «grandi» (GAL) riferito ai Gemelli e registrato nel reperto.

In particolare, è confermata la posizione di Saturno, osservato per una seconda volta opposto alla Rondine specificamente a distanza di un mese lunare dalla precedente osservazione.

Stavolta sono però cambiati il nome usato per il pianeta (GENNA), e per la Rondine è usato il nome completo, non troncato (SIM-MAḪ).
Tali differenze, avrebbero ricordato all’astronomo che il movimento del pianeta fu piccolo (poco più di due gradi) rispetto al mese precedente e che stavolta la principale stella della Rondine (Enif) era avanzata sopra la linea dell’orizzonte.

Venere fu visto sorgere nel secondo giorno stando due dita sotto a Saturno e a Ovest da esso movendosi sopra di esso durante quei giorni.

Il giorno tre la Luna è vista entrare nella costellazione del Granchio (nel secondo giorno era nella costellazione dei gemelli).

Nel quarto giorno la luna è ancora entrata stando in congiunzione con Saturno e con Venere dietro al Granchio.

Nel quinto giorno la luna è registrata uscire da tale congiunzione (arrivando dietro a Regolo, o nella costellazione del leone).

In quei giorni sopra citati, la Luna è registrata come «AN» (confondibile con «Marte») per indicarne la sua particolare azione di «divinità» interpretata in senso astrologico dall’astronomo che registrava ciò che stava osservando.

Nel 568bc,, Marte passerà per il Presepe (M11) con almeno due giorni di ritardo rispetto a quanto fu registrato nel diario.

Nel decimo giorno del secondo mese Ajaru del 587bc, Mercurio è confermato nella sua posizione astronomica coerente con il primo giorno del mese, essendo registrato essere stato osservato dietro ai Gemelli tramontando esso dopo di loro.

Nel nono giorno, il pianeta era elaborabile posizionato davanti ai Gemelli, nel senso che esso tramontava prima delle due stelle Polluce e Castore.

Nel diciottesimo giorno del secondo mese Ajaru del 587bc, Venere è registrato come osservato mentre entra nella costellazione del Leone, indentata dalla stella Subra, e stando bilanciato con essa trovandosi 4° e 40’ alto rispetto al Granchio.

Nello stesso momento, dal punto di vista astronomico, Saturno è misurabile stare a 4° e 40’ da Venere mentre Mercurio è misurabile stare a 4° e 40’ davanti a Saturno e sotto di esso con la stessa misura.

La misura di 4° e 40’ fu campionata con le stelle del Leone e usata come riferimento «multiplo» per quanto elaborato nelle diapositive precedenti.

Non c’è confronto che possa reggere con la stima al 568bc, il quale è decisamente molto più approssimativa e con molte meno concordanze rilevabili.

Il 587bc ne esce decisamente più coerente e più accettabile con quanto registrato nel reperto archeologico VAT 4956.

monseppe2
--------------------------------------------------------------
Ricercatore indipendente.
--------------------------------------------------------------
La verità viene da Geova mediante la sua parola scritta.
Per comprenderla, occorre "luce".
La luce, se illumina un solo lato, lascia zone di ombra che restano nascoste. La verità resta la stessa, ma sarà incompleta.
Solo Geova può fare "luce" su "tutti" i suoi lati della Sua Verità.
Ascoltarlo, è vitale. Cercarlo, è saggio. Amarlo, è giusto.
Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:10 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com